giovedì 28 aprile 2016

L'ARALDO ABRUZZESE NUMERO 15/2016 DEL 1 MAGGIO 2016




 In distribuzione L'araldo abruzzese numero 15/2016 del 1 maggio 2016

Chiedilo nella tua parrocchia

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 27 APRILE 2016

Non classificare gli altri

Al centro dell'udienza di oggi, a cui hanno partecipato 25mila persone, la parabola del Buon Samaritano, che insegna a "non classificare gli altri" tra chi è nostro prossimo e chi no, ma ad avere "la capacità di patire con" loro. Il protagonista della parabola ha la stessa "compassione" di Dio. E noi, ci crediamo?
 
 
“Non è automatico che chi frequenta la casa di Dio e conosce la sua misericordia sappia amare il prossimo, non è automatico”. Lo ha ripetuto il Papa, durante la catechesi dell’udienza generale di oggi, pronunciata davanti a circa 25mila persone – nonostante il cielo plumbeo e ventoso che incombeva su Roma – e dedicata alla parabola del Buon Samaritano. “Chi è mio prossimo?”,

ALLE BANCHE ITALIANE PIACE IL MONDO NON PROFIT

Più le conoscono, più cresce la fiducia delle banche verso le imprese sociali
Nell'ultimo anno, le cooperative sociali del nostro Paese hanno registrato una maggiore fidelizzazione degli istituti di credito ed è aumentato anche il livello di soddisfazione nei confronti delle banche, sempre più propense ad attivare strategie di personalizzazione nei confronti dei soggetti non profit. Inoltre, diminuiscono le richieste di finanziamento per investimenti (-3,2%), mentre l’autofinanziamento torna a rappresentare la principale fonte di copertura (47,3%) degli investimenti del terzo settore. I risultati di una ricerca di Ubi Banca con il supporto scientifico di Aiccon
 
Francesco Morrone
 
Arrivano buone notizie dal mondo del terzo settore. Nell’ultimo anno, le cooperative sociali del nostro Paese hanno registrato una maggiore fidelizzazione degli istituti di credito ed è aumentato

venerdì 22 aprile 2016

SICUREZZA DI QUARTIERE: INCONTRI CON LA POLIZIA A PINETO

Intesa tra Polizia e comune di Pineto per la tutela dei cittadini

Una serie di incontri nei quartieri di Pineto per spiegare le buone regole di comportamento della sicurezza contro la piccola delinquenza. Si tratta dell’iniziativa “Accendi la luce sul tuo quartiere”, che si inserisce nell’ormai consolidata collaborazione tra la Polizia di Stato e le Istituzioni locali, in particolare il Comune di Pineto, che ha accolto con entusiasmo l’iniziativa promossa dalla Questura di Teramo di diffondere maggior sicurezza nei quartieri della città inviando funzionari del Commissariato di Atri e della Polizia Locale del Cerrano ad incontri con i cittadini finalizzati a renderli edotti sui rischi in cui incorrono quotidianamente

Questa mattina, 22 APRILE 2016, è stato presentato il progetto ai referenti dei quartieri della città di Pineto, alla presenza del sindaco Robert Verrocchio e del Questore di Teramo, dott. Giovanni Febo e sono state fissate già le prime due tappe di partenza, il 30 aprile 2016 per il quartiere di Santa Maria a Valle e il 5 maggio 2016 nel Borgo di Santa Maria.

giovedì 21 aprile 2016

L'ARALDO ABRUZZESE NUMERO 14/2016 DEL 24 APRILE 2016


In distribuzione L'araldo abruzzese numero 14/2016 del 24 aprile 2016

Chiedilo nella tua parrocchia

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 20 APRILE 2016

Distinguere tra il peccato e il peccatore

 
Al centro della catechesi dell'udienza di oggi "lo zelante dottore della legge" e "l'anonima donna peccatrice".  Alla fine dell'udienza, un nuovo appello per la pace in Ucraina e per la colletta umanitaria di domenica prossima in tutte le Chiese d'Europa
 
“Lo zelante dottore della legge” e “l’anonima donna peccatrice”. Sono le due figure attorno alle quali il Papa ha impostato la catechesi dell’udienza generale di oggi, pronunciata davanti a circa 27mila persone che hanno quasi pacificamente bloccato la zona intorno a piazza San Pietro, congestionando il traffico fin dalle prime ore del mattino. Alla fine dell’udienza, un nuovo appello per la pace in Ucraina e per partecipare alla colletta umanitaria che si terrà domenica prossima in tutte le Chiese d’Europa.

UN MENDICANTE, UN SACERDOTE E ...QUEL GESTO CHE COLPISCE


Quel sacerdote inginocchiato accanto al mendicante

A qualche centinaio di metri dalla redazione da cui scriviamo, c'è una fermata della Metro di Roma. Da qualche settimana, appoggiato con la schiena alla parete sporchissima e con le gambe stese sul selciato, c'è un uomo in là con gli anni. Dal colore scuro e olivastro della pelle potrebbero essere un rom, di sicuro un uomo dell'Est Europa. Inginocchiato accanto a lui c'è un giovane vestito tutto di nero che gli parla. Dobbiamo essere grati a Francesco, ma anche a quel giovane sacerdote di cui non sapremo mai il nome
 
 
C’è sempre una prima volta per ciascuno di noi. E inevitabilmente ti resta scolpita nella mente e nel cuore. Sul momento, ti sorprendi. Magari ti giri a guardare mentre prosegui sui tuoi passi, ma distogli lo sguardo per pudore. Quasi che il tuo scrutare possa contaminare la realtà che è sotto i tuoi occhi. Poi ti ritorna alla mente e allora le domande sgorgano spontanee. Prima su tutte: perché non riesci a cancellare il ricordo? Dov’è il gancio con il tuo mondo di dentro che ti costringe a ripensare a quell’immagine? A chiederti se valga persino la pena di provare a scriverne, perché non resti solo tua…

MESSAGGIO DELLA CEI PER LA GIORNATA DEL 1° MAGGIO

“Il lavoro: libertà e dignità dell’uomo in tempo di crisi economica e sociale”

“Educare al lavoro”, sia di nuovo “luogo umanizzante”

“Oggi più che mai” c’è “bisogno di educare al lavoro e la situazione è tale da richiedere una riscoperta delle relazioni fondamentali dell’uomo. Il lavoro deve tornare a essere luogo umanizzante”. Lo afferma la Commissione episcopale per i problemi sociali e il lavoro, la giustizia e la pace, nel Messaggio per la giornata del primo maggio, dal titolo “Il lavoro: libertà e dignità dell’uomo in tempo di crisi economica e sociale”. Il lavoro “in Italia manca”, osservano i vescovi, e questa scarsità “porta sempre più persone, impaurite dalla prospettiva di perderlo o di non trovarlo, a condividere l’idea che nulla sia più come è stato finora: dignità, diritti, salute finiscono così in secondo piano”.

martedì 19 aprile 2016

GIOVANI: INDIVIDUALISMO O COOPERAZIONE?


Torna l'appuntamento di Kairòs, in collaborazione con la Pastorale Universitaria della diocesi di Teramo-Atri, sui temi di attualità antropologica sulle prospettive per un nuovo umanesimo: LA CONDIZIONE GIOVANILE
 
"Dall'individualismo alla cooperazione", questo il titolo dell'incontro che si svolgerà questa sera, 19 aprile 2016, alle ore 21 nel Centro Giovani Kairòs, in via S. Berardo n. 14 di Teramo

L'appuntamento prevede l'intervento della Dott.ssa Annalia Arcangeli che esporrà argomentazioni sugli stimoli per godere una vita di qualità in gruppo e la cooperazione sul piano personale
 


giovedì 14 aprile 2016

L'ARALDO ABRUZZESE NUMERO 13/2016 DEL 17 APRILE 2016


In distribuzione L'araldo abruzzese numero 13/2016 del 17 aprile 2016

Chiedilo nella tua parrocchia

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 13 APRILE 2016

Non una comunità di perfetti


“La Chiesa non è una comunità di perfetti, ma di discepoli in cammino, che seguono il Signore perché si riconoscono peccatori e bisognosi del suo perdono”. Lo ha ribadito Papa Francesco, che nella catechesi dell’udienza generale di mercoledì 13 aprile – di fronte a circa 22mila fedeli – ha commentato il brano evangelico della chiamata di Matteo, esortando a sentirci tutti “invitati al banchetto di Dio” per “guardare con misericordia e riconoscere in ognuno un nostro commensale”.

venerdì 8 aprile 2016

ESORTAZIONE APOSTOLICA ...IL TESTO

La famiglia secondo Papa Francesco: umanità da integrare nella vita della Chiesa con discernimento pastorale

 
Pubblicata l’esortazione del Papa che raccoglie il lavoro dei due anni di cammino del Sinodo sulla famiglia. “Integrare tutti”, la frase guida. Parlare alle famiglie “così come sono”, la consegna. Niente più distinzioni tra situazioni “regolari” o “irregolari”: “accompagnare, discernere e integrare” l’invito ai vescovi e ai pastori, chiamati a valutare caso per caso. “Non è più possibile dire che tutti coloro che si trovano in qualche situazione cosiddetta ‘irregolare’ vivono in stato di peccato mortale”. Nell’Anno del Giubileo, bisogna “tenere i piedi per terra” e adottare uno “sguardo positivo” sulla famiglia. I divorziati risposati “devono essere più integrati nelle comunità cristiane nei diversi modi possibili, evitando ogni occasione di scandalo”. Il Papa non nomina mai esplicitamente il tema dell’accesso alla comunione per i divorziati risposati ma - in una nota dell’ottavo capitolo -, a proposito dell’“aiuto della Chiesa”, fa presente che “in certi casi, potrebbe essere anche l’aiuto dei sacramenti”.
 
 

ESORTAZIONE APOSTOLICA ...LA NOTA

Amoris laetitia e Sinodo. La pastorale matrimoniale non è la pastorale delle eccezioni
 
La pastorale matrimoniale e familiare non è la pastorale delle eccezioni. Potrebbe essere sintetizzato in questo slogan uno dei messaggi principali – forse il più atteso – dell’Esortazione apostolica post-sinodale Amoris laetitia, sull’amore nella famiglia di Papa Francesco.

giovedì 7 aprile 2016

IL SERVIZIO CIVILE NON PIACE AI GIOVANI ITALIANI

Servizio civile, questo sconosciuto. Tra gli under30 “pochi lo conoscono”, ma al Sud ci si crede di più
 
Secondo l'indagine dell'Istituto Toniolo solo un giovane su 10 ha ben chiara la proposta del Servizio civile universale, opportunità offerta (con un minimo di retribuzione mensile) ai maggiorenni. Eppure, spiega l'indagine, si tratta di un'esperienza formativa e relazionale unica, che apre alla "costruzione del bene comune"
 
Una grande opportunità educativa e di crescita, un ambito per coltivare il senso di cittadinanza, una modalità concreta per rendersi utili alla propria comunità. Ma anche una realtà pressoché sconosciuta ai più… Al Servizio civile universale – erede del Servizio civile normato per la prima volta in Italia nel 1972 – è dedicato un ampio capitolo de “La condizione giovanile in Italia – Rapporto Giovani 2016”, terza edizione dell’indagine promossa dall’Istituto Giuseppe Toniolo. Il “Rapporto Giovani”  (www.rapportogiovani.it), che sarà ufficialmente presentato a Milano il 14 aprile, è diventato in questi anni un punto di riferimento per la conoscenza della condizione giovanile nel Paese.

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 6 APRILE 2016

Il Vangelo della misericordia

Il Papa ha iniziato un ciclo di catechesi su Gesù e la misericordia e ha incontrato Lizzy Myers la bambina dell’Ohio affetta da una malattia genetica rara (Sindrome di Usher – Tipo B ) che presto la renderà cieca e sorda
 
 
“Il Vangelo è Vangelo della Misericordia perché Gesù è la misericordia”. Con queste parole il Papa – dopo aver concluso mercoledì scorso le catechesi sulla misericordia nell’Antico Testamento – ha cominciato oggi un ciclo di catechesi sul rapporto tra Gesù e misericordia, su “come Gesù l’ha portata a pieno compimento”.Gesù “non ha avuto vergogna” di farsi battezzare nel Giordano: “si è messo in fila con i peccatori”, ha fatto notare Francesco, e il suo battesimo è stato “l’inizio del tempo della misericordia per tutta l’umanità”.

L'ARALDO ABRUZZESE NUMERO 12/2016 DEL 10 APRILE 2016


In distribuzione L'araldo abruzzese numero 12/2016 del 10 aprile 2016

Chiedilo nella tua parrocchia