mercoledì 31 gennaio 2018

CINEMA: LE PROPOSTE DAL 1 FEBBRAIO 2018

Bella lezione di giornalismo in “The Post” firmato Spielberg. Ancora, al cinema il duo Toledano-Nakache con “C'est la vie!”. Dall’Italia “Sono tornato” di Miniero. Per i giovani, epilogo della saga “Maze Runner”. Le indicazioni della Commissione Film Cei

Massimo Giraldi, Sergio Perugini (*)

“La verità vi farà liberi (Gv 8,32). Notizie false e giornalismo di pace” è il tema scelto per la Giornata mondiale delle comunicazioni sociali 2018. E un film che si presta bene a riflettere sul messaggio di papa Francesco è “The Post” di Steven Spielberg, in sala da giovedì 1° febbraio. L’opera si ispira a fatti realmente accaduti, all’inizio degli anni Settanta negli USA: è la storia di Katharine Graham (Meryl Streep), prima donna alla guida del quotidiano “The Washington Post”, e Ben Bradlee (Tom Hanks), direttore del giornale. Nel 1971 “The Washington Post”, nonostante le forti pressioni governative, decide di pubblicare numerosi documenti sul Vietnam, i “Pentagon Papers”, a rischio insabbiamento perché fortemente problematici. Un’opera su una vicenda del passato, ma dalla forte carica attuale, capace di avanzare una riflessione sul buon giornalismo, che non si piega dinanzi alla logica della corruzione. Spielberg conferma la sua grande abilità narrativa, realizzando un film incisivo, accurato e magnetico.

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 31 GENNAIO 2018

Orecchi, mani, cuore 

Dedicata alla Liturgia della Parola l'udienza di Papa Francesco, che ha fatto salire sulla "papamobile" sei bambini: tre ragazzi e tre ragazze

M. Michela Nicolais

Ascoltare le letture durante la Messa è un’esperienza che avviene “in diretta”, e non per sentito dire. Per questo è importante ascoltare non solo con gli orecchi, ma con il cuore e con le mani. Parola di Papa Francesco, che nella catechesi dell’udienza generale di oggi si è soffermato sulla Liturgia della Parola, dispensando molti suggerimenti fuori testo per aiutare a vivere meglio questo momento fondamentale della Messa. Arrivato in piazza S. Pietro per il consueto giro della piazza, Francesco ha ospitato a bordo sei bambini: tre ragazzi e tre ragazze.

Quando si chiacchiera, non si ascolta. È il primo monito del Papa, che ha messo in guardia dalla cattiva abitudine di parlare o fare commenti col proprio vicino di banco, mentre a Messa vengono proclamate le letture.

venerdì 26 gennaio 2018

mercoledì 24 gennaio 2018

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 24 GENNAIO 2018

La corruzione è più pericolosa dell’influenza

Il Papa ha dedicato l'udienza di oggi al "racconto" del suo viaggio apostolico internazionale in Cile e Perù, di cui ha ripercorso le tappe

M.Michela Nicolais

“Ringrazio il Signore perché tutto è andato bene: ho potuto incontrare il popolo di Dio in cammino in quelle terre, e incoraggiare lo sviluppo sociale di quei Paesi”. È il bilancio del viaggio in Cile e Perù stilato dal Papa, durante la catechesi dell’udienza di oggi, in cui ne ha ripercorso idealmente le tappe, davanti a 15mila fedeli. Dopo i saluti in lingua italiana, un nuovo appello per “evitare ogni forma di violenza” nella Repubblica democratica del Congo.
“Un applauso al Cile e al Perù, due popoli bravi”,
esordisce Francesco a braccio, ricordando che il suo arrivo in Cile era stato preceduto da diverse manifestazioni di protesta, che hanno reso ancora più attuale il motto del viaggio: “Vi dò la mia pace”.

martedì 23 gennaio 2018

CINEMA: LE PROPOSTE DAL 25 GENNAIO 2018

Il film di apertura di Venezia74, “Downsizing”, esce in sala, così come l’atteso “Paradise” di Andrei Konchalovsky. Torna al cinema anche Luciano Ligabue con “Made in Italy”. Per i più piccoli “Bigfoot Junior”. Le indicazioni della Commissione film Cei

Massimo Giraldi, Sergio Perugini (*)

Da giovedì 25 gennaio esce finalmente in sala il film di apertura della 74ª Mostra del Cinema di Venezia (2017), “Downsizing” di Alexander Payne, che vede nel cast Matt Damon. È una riflessione sulla società contemporanea dinanzi al problema demografico ed ecologico; il regista, servendosi di soluzioni narrative curiose ma comunque convincenti, fotografa in particolare i rapporti tra le persone, i legami nella dimensione familiare e sociale. Non manca l’ironia, tratto tipico della poetica di Payne.

domenica 21 gennaio 2018

sabato 20 gennaio 2018

SOCIAL WEEK. LA FABBRICA DELLE BUGIE

Il meccanismo è semplice: un solo proprietario dietro decine di siti, un unico account pubblicitario, tanto clickbait e il guadagno è assicurato.

Paola Dalla Torre

Quanto è duro combattere le fake news sul web. Un’inchiesta svela come sia una prassi dilagante e anche di successo che molte aziende che offrono prodotti online utilizzano programmaticamente.
È un network italiano a legare siti di politica, news, proclami
nazionalistici e disinformazione. Questo ha scoperto BuzzFeed, scandagliando decine di siti e pagine social scoprendo che sono tutti di proprietà della stessa azienda, la Web365. Un’azienda a conduzione familiare composta da sei persone più un team di giornalisti, a detta del proprietario.
Non
è certo una novità che esistano network di questo genere, già lo scorso anno i proprietari di “LiberoGiornale” erano dovuti uscire allo scoperto dopo che una bufala sull’allora neo-premier Gentiloni si era diffusa oltremodo. Il meccanismo è semplice: un solo proprietario dietro decine di siti, un unico account pubblicitario, tanto clickbait e il guadagno è assicurato.

sabato 13 gennaio 2018

L'ARALDO ABRUZZESE NUMERO 01/2018 DEL 14 GENNAIO 2018



In distribuzione L'araldo abruzzese numero 01/2018 del 14 gennaio 2018 con l'intervista esclusiva a mons. Lorenzo Leuzzi, il nuovo vescovo della diocesi di Teramo-Atri.

Chiedilo nella tua parrocchia...

giovedì 11 gennaio 2018

CINEMA: LE PROPOSTE DAL 11 GENNAIO 2018

In sala dall’11 gennaio

Frances McDormand protagonista del dramma “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”. Torna Carlo Verdone con la commedia degli equivoci “Benedetta Follia”. Dall’Italia c’è anche l’animazione “Leo Da Vinci”. Le indicazioni della Commissione film Cei

Massimo Giraldi, Sergio Perugini (*)

Alla 74ª Mostra del Cinema della Biennale di Venezia “Tre manifesti a Ebbing, Missouri” di Martin McDonagh è stato uno dei film in Concorso tra i più apprezzati dalla critica, vincitore del Premio per la miglior sceneggiatura. Il film esce ora nelle sale italiane, dall’11 gennaio, mentre in America si delineano le candidature agli Oscar dove il film appare favorito soprattutto per la performance dell’attrice protagonista Frances McDormand, già vincitrice di un Oscar per “Fargo” nel 1996.

mercoledì 10 gennaio 2018

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 10 GENNAIO 2018

Il silenzio non è assenza di parole

Dedicata alla preghiera di "colletta" l'udienza di Papa Francesco, pronunciata in Aula Paolo VI davanti a 7mila persone.

M.Michela Nicolais

Nella Messa, il silenzio non si riduce ad assenza di parole, ma è un momento privilegiato per dare voce, nella preghiera, ai nostri giorni di gioia, di fatica, di dolore. Lo ha spiegato il Papa durante l’udienza di oggi, pronunciata in Aula Paolo VI davanti a 7mila persone e dedicata alla preghiera di “colletta”. “Possa la liturgia diventare vera scuola di preghiera”, l’augurio finale.

venerdì 5 gennaio 2018

6 GENNAIO: MAGI O BEFANA?

Manifestazione divina, dono per gli uomini

Nel corso dei secoli si sono sovrapposte una serie di domande e soprattutto una: perché questa festività è confusa con quella della Befana?

Marco Testi


Il riconoscimento della divinità di Gesù e come rivelazione ai lontani –simboleggiati dai Magi- ha suscitato nel corso dei secoli una serie di domande che si sono sovrapposte, soprattutto una: perché questa festività è confusa con quella della Befana? La risposta più adeguata è legata all’etimologia greca del termine, perché Befana è probabilmente corruzione del greco “epifaneia”, che vuol dire rivelazione, manifestazione. Ma perché questa parola si è piano piano identificata –in Italia- in una vecchietta portatrice di doni? Qui entrano in ballo elementi assai antichi: è probabile che la scopa volante sia un lontano ricordo dei legni sacri delle culture legate all’agricoltura e che i doni stessi siano manifestazioni dei prodotti della terra. La vecchietta è forse manifestazione dello spirito del grande antenato: in alcuni popoli, le ossa dei predecessori, dopo un periodo di purificazione del corpo, venivano riaccolte nella casa e poste sotto il grande cerchio di pietre che formava il camino centrale della capanna.

giovedì 4 gennaio 2018

CINEMA: LE PROPOSTE DAL 4 GENNAIO 2018

In sala dal 4 gennaio

Tre titoli forti inaugurano il nuovo anno cinematografico: “Tutti i soldi del mondo”, “Il Ragazzo Invisibile 2” e “Jumanji 2”. Le indicazioni della Commissione film Cei

Massimo Giraldi, Sergio Perugini (*)

Uscito al cinema dal 1° gennaio 2018, e già in testa al box office italiano, “Jumanji. Benvenuti nella giungla” è idealmente il seguito del fortunato film del 1995, “Jumanji”, interpretato allora da Robin Williams. Non tutti sanno che prima di tutto “Jumanji” è un libro per ragazzi nato dalla penna di Chris Van Allsburg nel 1981. Ora il nuovo capitolo al cinema, targato Jake Kasdan, rimescola le carte della storia: un gruppo di amici alle prese con un videogioco – segno del cambiamento dei tempi – finisce per essere trascinato nel gioco stesso, sfidando ogni tipo di creatura nella giungla. Se la trama può apparire poco originale, a funzionare bene invece è il ritmo della narrazione, sempre vivace e coinvolgente, che risulterà particolarmente gradito a un pubblico giovane, ma non solo. Uno spettacolo leggero e avvincente, senza troppe pretese. Nel cast Dwayne Johnson, Jack Black, Nick Jonas.

mercoledì 3 gennaio 2018

L'UDIENZA DI PAPA FRANCESCO - MERCOLEDÌ 3 GENNAIO 2018


Il peccato taglia, separa, divide

Papa Francesco ha dedicata all'atto penitenziale la prima udienza del 2018, pronunciata in Aula Paolo VI di fronte a 7mila persone.

M.Michela Nicolais

“Il presuntuoso è incapace di ricevere perdono”: “Solo chi sa riconoscere gli sbagli e chiedere scusa riceve la comprensione e il perdono degli altri”. Lo ha spiegato il Papa nella catechesi della prima udienza generale del 2018, pronunciata in Aula Paolo VI di fronte a 7mila persone e dedicata all’atto penitenziale che compiamo all’inizio della Messa, attraverso il quale riconosciamo davanti a Dio e ai fratelli i nostri peccati. Perché tutti siamo peccatori. E “il peccato taglia sempre, separa, divide”.
“Che cosa può donare il Signore a chi ha già il cuore pieno di sé, del proprio successo?”, si è chiesto Francesco: “Nulla, perché il presuntuoso è incapace di ricevere perdono, sazio com’è della sua presunta giustizia”.

lunedì 1 gennaio 2018

CINEMA: LE PROPOSTE DAL 1 GENNAIO 2018

In sala dal 1° gennaio 2018

Sulla scia delle feste, arrivano in sala commedie e drammi d’autore: da “Come un Gatto in Tangenziale” a “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”. Per i ragazzi ci sono “Jumanji” e “Il Ragazzo Invisibile 2”. Le indicazioni della Commissione film Cei

Massimo Giraldi, Sergio Perugini (*)

Gennaio 2018: sbarca in sala dopo Natale una serie di titoli forti, tra drammi d’autore e commedie frizzanti. Anzitutto, il film rivelazione alla Mostra del Cinema di Venezia, “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”, scritto e diretto da Martin McDonagh con una Frances McDormand da Premio Oscar. Il film si apre con un episodio duro nella cittadina di Ebbing, lo stupro di una giovane da parte di un gruppo di teppisti. Mesi dopo, le indagini sono ferme e la mamma della ragazza, Mildred, decide di rompere il silenzio omertoso. Una sceneggiatura dalla grande forza espressiva, premiata a Venezia, per un’opera difficile, spinosa, ma ben calibrata.